Scaddateddi

Scaddateddi

Questa ricetta è tipica della zona di Bova; si tratta di ciambelle friabili aromatizzate al cimino (il carum carvi, cumino dei prati) consistente in piccoli semi dal sapore di anice.

Venivano preparate in particolare per la prima colazione.

Gli scaddateddi erano offerti come dono agli invitati dei matrimoni: una sorta di “bomboniera” per ringraziare dei regali.

Anticamente, la colazione era interamente preparata dalle nonne e dalle mamme che con materie di prima qualità, amore e pazienza realizzavano biscotti, torte, pan brioche o dolci da inzuppo da far gustare ai loro figli o nipoti durante la colazione con una buona tazza di latte caldo e miele.

Anche in Calabria questa tipica usanza veniva rispettata in tutte le famiglie ed in alcuni borghi antichi tutt’ora molte nonne amano preparare la colazione per i loro nipotini.

La tradizione culinaria calabrese è ricca di ricette riguardanti diversi tipi di biscotti e dolcetti ideali per la colazione, e tra le più rinomate e tradizionali non si può di certo non proporre una delle ricette più antiche, tramandate da generazioni ed originaria della zona di Bova :

gli Scaddateddi conosciuti anche con il nome di Scaldatelle.

Gli Scaddateddi sono ciambelle friabili aromatizzate al cimino ( cumino dei prati) consistente in piccoli semi dal sapore di anice. Tradizionalmente queste ciambelle venivano preparate in particolare per la prima colazione.

Gli scaddateddi erano inoltre offerti come dono agli invitati dei matrimoni: una sorta di “bomboniera” per ringraziare dei regali.

Opera Terra La Tradizione Beverage